Covid, Emilia-Romagna in zona arancione - Comune di Concordia sulla Secchia (MO)

archivio notizie - Comune di Concordia sulla Secchia (MO)

Covid, Emilia-Romagna in zona arancione

 

Da domenica 15 Novembre 2020 con ordinanza del Ministero della Salute la Regione Emilia-Romagna diventa zona arancione e da sabato 14 Novembre 2020 entra in vigore anche l'ordinanza regionale. Queste le principali misure in vigore:

  • Stop agli spostamenti dalle 22 alle 5, vietati gli spostamenti in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio e di salute. Per scaricare il modello di autodichiarazione per gli spostamenti CLICCA QUI
  • Ristorazione: è sospesa l'attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie. È consentito l’asporto fino alle 22 con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Resta consentita la consegna a domicilio. Per leggere le attività che hanno comunicato al Comune la disponibilità ad effettuare consegna al domicilio a Concordia CLICCA QUI
  • Chiuse nei giorni prefestivi e festivi le medie e grandi aree di vendita, compresi tutti i complessi commerciali, con le sole eccezioni di farmacie, parafarmacie, generi alimentari, tabaccherie e edicole.
  • Nei giorni festivi si aggiunge lo stop ad ogni attività di vendita.
  • L'accesso ai negozi è consentito ad un unico membro per nucleo familiare, salvo la necessità di accompagnare persone non autosufficienti o con difficoltà motorie, o bambini di età inferiore ai 14 anni.
  • L’attività sportiva e motoria dovrà avvenire preferibilmente nelle aree verdi e periferiche, rimanendo sempre distanziati.
  • Nelle scuole del primo ciclo scolastico (primarie e secondarie di primo grado) vengono sospese le lezioni di ginnastica, di canto e con strumenti a fiato, considerate a rischio elevato.
  • Restano inoltre in vigore le misure già previste per le zone gialle:
    - didattica a distanza al 100% per gli studenti delle scuole superiori.
    - trasporto pubblico con capienza ridotta al 50%.
    - chiusi cinema, teatri, musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, complessi monumentali.
     - chiuse sale bingo, sale scommesse e slot machine anche in tabaccherie.
    - i corsi di formazione pubblici e privati possono svolgersi solo con modalità a distanza.
    - sospese le prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni.
    - chiusi gli impianti nei comprensori sciistici.

 

Per le attività colpite dalle restrizioni sono disponibili le misure previste dal Decreto Ristori.


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (43 valutazioni)